Due Mani Per Un Cuore | Primo Soccorso | Disostruzione | BLSD

SVEZZAMENTO ED OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE


Ad oggi sono possibili molteplici tipi di svezzamento, tra questi i più ricorrenti sono:

- SVEZZAMENTO TRADIZIONALE:

si favorisce il passaggio graduale all’alimentazione con semiliquidi (pappe), poi ai solidi facilmente masticabili, ed infine agli alimenti più complessi.

- AUTOSVEZZAMENTO O ALIMENTAZIONE COMPLEMENTARE A RICHIESTA:

è il bambino che guida lo svezzamento mostrando interesse verso il cibo dei genitori, attraverso piccoli assaggi che gestite autonomamente.

- SVEZZAMENTO MISTO:

è un insieme dei precedenti.

QUALI DEI 3 È IL PIÙ SICURO PER LIMITARE IL PERICOLO DI OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE? I vari studi non hanno mostrato pericoli maggiori in un tipo o negli altri. Sono stati riportati fenomeni semiostruttivi risolti autonomamente dal bambino. Un solo caso ha richiesto l’intervento del personale sanitario, in cui erano stati introdotti alimenti in modo forzato dal genitore.


QUALI ALIMENTI SONO STATI INDIVIDUATI COME PIÙ A RISCHIO? Sono state presentate varie liste contenenti alimenti indicati come "più pericolosi", ma nessuna di queste era accompagnata da bibliografia scientifica. Ad oggi, sebbene non esista una vera lista di cibi maggiormente pericolosi, si ritiene più rischioso il cibo di forma rotondeggiante.


E ALLORA COME COMPORTARSI? Occorre seguire 5 semplici regole:

1) INIZIARE LO SVEZZAMENTO DOPO I 6 MESI DI VITA:

dopo i 6 mesi si attenua il riflesso di estrusione, si struttura l’apparato dentario e si fortifica il coordinamento dei muscoli della deglutizione.

2) MAI LASCIARE IL BAMBINO DA SOLO CON IL CIBO O QUANDO MANGIA:

la sorveglianza è la migliore forma di prevenzione.

3) FAR MANGIARE IL BAMBINO IN POSIZIONE ERETTA sostenuta anteriormente da un piano di appoggio per gli arti superiori e posteriormente da uno schienale.

4) NON IMMETTERE FORZATAMENTE CIBO soprattutto solido in bocca al bambino; deve poter sempre avere il controllo dei quantitativi del cibo e mangiare secondo i propri ritmi.

5) IMPARARE LE MANOVRE DI DISOSTRUZIONE E DI RIANIMAZIONE DI BASE ed imparare ad applicarle in caso di reale necessità. Sono molto più rare di quanto si creda, ma quando servono, non sono demandabili.


Dr. Riccardo Ristori


Post in evidenza